Le settimane della memoria


LE SETTIMANE DELLA MEMORIA IN CASCINA CUCCAGNA è un progetto pluriennale promosso da ACCC e da Ass.Coop.Cuccagna, volto al recupero e valorizzazione di materiali storici -foto, lettere, diari, cartoline…- provenienti da archivi privati, relativi a momenti significativi della storia del Novecento, per condividere la memoria storica e diffonderla alle nuove generazioni.
Il progetto prevede ogni anno la scelta di un tema da sviluppare attraverso un’iniziativa di raccolta diffusa di documenti storici, che coinvolge le persone, associazioni e scuole del territorio, invitate a portare le proprie testimonianze in cascina. Qui vengono raccolte, catalogate, selezionate e scansite al fine di essere valorizzate attraverso: mostra fotografica, pubblicazioni online e offline, letture sceniche, video, audio e eventuali altre forme di valorizzazione che permettano di arricchire la storia della città e diffonderne la conoscenza.

Le due edizioni precedenti hanno avuto come temi ‘1935-45: La guerra e l’altra resistenza‘ (2018) e ‘Voci dal fronte e dai campi di prigionia‘ (2019), recuperando interessanti materiali relativi ai prigionieri e internati italiani e alla guerra partigiana. L’obbiettivo è di promuovere una cultura di pace, a partire dalla consapevolezza che la guerra non è solo qualcosa di lontano che si legge nei libri di storia, ma affligge la vita delle persone comuni nella loro quotidianità. Continuando nel solco della memoria della seconda guerra mondiale, nel 2020 lo sguardo si rivolge al vissuto di Milano negli anni 1943-44 e in particolar modo agli scioperi operai nelle fabbriche, (ai quali parteciparono centinaia di migliaia di operai, sfidando la legge, la prigione, l’invio punitivo al fronte o nei lager in Germania) ai bombardamenti e al proseguire della vita quotidiana delle persone in mezzo a questi drammatici eventi.

Le azioni previste sono:

Raccolta Etnografica Partecipata. Lancio della campagna di raccolta materiali con il tema dell’anno attraverso i nostri media, volantini, incontri pubblici e coinvolgimento delle scuole attraverso incontri con i professori/direttori scolastici. L’obiettivo è coinvolgere soprattutto i giovani e gli anziani nella raccolta e condivisione dei “ricordi di famiglia” per farne oggetto di un progetto culturale comunitario e identitario. Questo permette alle persone di sentirsi protagonisti attivi del progetto culturale di tutela del patrimonio storico e valorizzazione del trascorso, rafforzando sin da subito le relazioni intergenerazionali, per cui il tramite delle scuole è particolarmente importante. In questa edizione intendiamo anche raccogliere testimonianze orali, attraverso delle interviste che verranno registrate e rese successivamente fruibili al pubblico.

Catalogazione e selezione dei materiali. I documenti verranno esaminati, inventariati e digitalizzati per la successiva valorizzazione, sia per la mostra che altri usi (vaglio delle foto, valutazione qualità; lettura diari, lettere; visione video; etc..). Gli stessi saranno poi restituiti ai proprietari, con l’impegno a metterli a disposizione della futura mostra e altre iniziative del progetto.

Produzione e allestimento di una mostra fotografica, e non solo, che restituisca quanto raccolto come contributo di public history alla comprensione del passato soprattutto per i più giovani. Il materiale raccolto verrà messo a disposizione degli stessi cittadini che l’hanno portato all’interno di un workshop di co-progettazione della mostra. I cittadini che vorranno partecipare saranno guidati alla definizione del percorso di visita, alla selezione dei materiali e alla stesura dei contenuti di testo. La mostra sarà aperta al pubblico nel 2020.

STORIA DEL PROGETTO
Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna nel gennaio 2018 ha presentato l’iniziativa “Le Settimane della memoria in Cascina Cuccagna”, un appuntamento con cadenza annuale, volto a promuovere il recupero e la valorizzazione di materiali fotografici (ma non solo) relativi a momenti significativi della storia Novecento e a diffondere la memoria storica tra le giovani generazioni.L’iniziativa intende proporre una ricerca etnografica partecipata, lanciando delle campagne di raccolta di documenti storici e fotografici, con l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza, con particolare riferimento alle giovani generazioni e alla popolazione anziana, nella scoperta e/o riscoperta di un patrimonio culturale, documentale e fotografico, nell’ambito di un progetto che miri a conservare e a valorizzare la memoria del nostro recente passato attraverso mostre, eventi, spettacoli, conferenze etc…

Il Progetto Cuccagna ha da tempo attivato collaborazioni con associazioni che si occupano della memoria storica, tra i quali l’ANPI, la casa della Memoria, Milano si fa storia, ISEC etc… e ha tra i suoi obbiettivi proprio la valorizzazione del patrimonio culturale e della storia collettiva, a partire dalle storie degli abitanti del quartiere e della città. La Cascina Cuccagna è infatti da tempo un’importante presenza nel territorio, che ha conquistato la fiducia della popolazione e si è distinta per i suoi progetti di partecipazione che
coinvolgono numerosi abitanti.

PRIMA EDIZIONE 2018
Mostra-evento Le guerre italiane 1935-1945 e l’altra resistenza. Il racconto dei nostri padri e dei nostri nonni, curata dal fotografo Giuseppe Corbetta. Per il lancio di questo importante progetto abbiamo scelto di iniziare con un discorso sulla Seconda guerra mondiale che ha visto nel 2018 una mostra temporanea e una prima raccolta di materiali. A febbraio 2018 abbiamo allestito la mostra-evento Le guerre italiane 1935-1945 e l'altra resistenza. Il racconto dei nostri padri e dei nostri nonni, curata dal fotografo Giuseppe Corbetta, che racconta le storie di soldati protagonisti della Seconda Guerra Mondiale, con particolare riferimento alle campagne di Francia, Grecia, Russia e d’Africa, agli Internati Militari Italiani (IMI) in Germania e ai prigionieri di Guerra nei campidi prigionia degli Alleati. La mostra-evento si è tenuta in Cascina Cuccagna, dal 2 febbraio al 14 febbraio 2018. La mostra ha avuto un grande successo sia per il numero di visitatori (oltre 1000 persone in 10 giorni) che per l’interesse suscitato. I visitatori hanno espresso un parere nettamente positivo, evidenziando il grande interesse della tematica trattata, la bellezza degli scatti esposti, dell’allestimento e della location in cui tutto ciò ha preso vita. E’ stato molto apprezzato l’allestimento e le didascalie, considerate di ottimo livello. Sono state realizzate diverse visite guidate per scuole: cui hanno partecipato diverse classi V del liceo Einstein e del liceo Hajech. Gli studenti hanno manifestato grande curiosità e interesse e crediamo chel’essere riusciti ad entrare in contatto con le scuole sia il risultato più importante che abbiamo conseguito.

Campagna di raccolta materiale per l’edizione 2019
Contestualmente alla mostra abbiamo lanciato, attraverso una comunicazione mirata alla cittadinanza ma anche e soprattutto alle scuole, un invito a tutti coloro in possesso di materiali storici relativi alla Seconda guerra mondiale a portarli in Cascina Cuccagna, dove i materiali sono visionati e catalogati per essere successivamente valorizzati con diverse modalità (attraverso una successiva mostra, un catalogo, momenti
di incontro e approfondimento). La raccolta del materiale si è conclusa nell’estate del 2018.

SECONDA EDIZIONE 2019
Con i materiali raccolti con la campagna di raccolta, abbiamo realizzato la mostra “Voci dal fronte e dai campi di prigionia. La II Guerra Mondiale in una mostra raccolta, narrata condivisa” a cura di Giuseppe Corbetta, Alessandra Licheri, Stefania Ferrari e Paola Kerpan. La mostra si è tenuta in Cascina Cuccagna, dal 1 al al 10 febbraio 2019. Oltre alla mostra abbiamo realizzato -con la collaborazione del regista Maurizio Pratesi- una serie di interviste a coloro che ci hanno che hanno aderito al progetto di public history portando i propri materiali, che raccontano le loro motivazioni e il loro personale contributo al progetto. Il video ha trovato spazio all’interno della mostra. Inoltre, grazie alla collaborazione con la Compagnia Officina Teatrale di Mille&UnaVoce di Cinisello Balsamo, siamo riusciti a dare vita ad alcune delle lettere e diari esposti nella mostra, che sono diventati una performance dal titolo Più in là di tutto non si può andare”, di cui sono state fatte due repliche durante il periodo della mostra (Sabato 2 e sabato 9 gennaio 2019). Anche questa seconda edizione ha avuto un buon numero di visitatori, sia alla mostra che ai due spettacoli. La nostra intenzione è di far girare la mostra anche in altri contesti e ci stiamo attivando in tal senso.

Stiamo adesso preparando il lancio della terza edizione del progetto Le settimane della memoria in Cascina Cuccagna che avrà come tema Milano 1943-44: bombardamenti e scioperi contro la guerra. La vita quotidiana tra Resistenza, fame e paura”.

Per maggiori informazioni potete contattare Paola Kerpan telefonando al 334 1951078
o scrivendo a cuccagna.milano@yahoo.it

LE SETTIMANE DELLA MEMORIA IN CASCINA CUCCAGNA è un progetto di ACCC e di Ass.Coop.Cuccagna